Buone relazioni per
prodotti buoni.

GESTIONE RESPONSABILE DELLA CATENA DI FORNITURA:


A partire dal 2011, il Gruppo Ferrero è impegnato nell’implementazione del Piano ABCDE (A Business Code Dialogue Engagement) volto a condividere il Codice di Condotta Commerciale del Gruppo con tutti gli stakeholder della catena del valore. Il codice si basa sui principi Ferrero, è conforme al Codice Etico del Gruppo e definisce le pratiche Ferrero nei seguenti ambiti:

1. eccellenza nella qualità e sicurezza dei prodotti;
2. impegno per la tutela dei diritti umani;
3. tutela ambientale e sostenibilità;
4. garanzia delle condizioni dell’ambiente di lavoro;
5. integrità commerciale.

Nel 2013, è stato raggiunto l’obiettivo della condivisione del Codice di Condotta Commerciale Ferrero lungo l’intera catena del valore.

Il Gruppo Ferrero non si è limitato al raggiungimento di questo obiettivo. In particolare, il Gruppo ha messo a punto il Protocollo Ferrero Farming Values per la produzione di nocciole, sviluppato con la collaborazione di SCS Global Services, a cui sono affidati gli audit per la verifica della filiera Ferrero.

Dal dicembre 2013, il Gruppo Ferrero partecipa alla ’Supply Chain Initiative’, promuovendo l’implementazione dei Principi delle Buone Pratiche nei rapporti Verticali della filiera di approvvigionamento alimentare.

La Supply Chain Initiative è un’iniziativa congiunta lanciata da sette associazioni europee con l’obiettivo di aumentare l’equità nelle relazioni commerciali lungo l’intera catena di approvvigionamento alimentare.

Nel gennaio 2017, i promotori della Supply Chain Initiative hanno presentato la seconda relazione annuale che illustra i progressi e i risultati dell’iniziativa dal momento del lancio a settembre 2013.

IL RISPETTO DEI DIRITTI UMANI IN FERRERO:

L’impegno di Ferrero nel rispettare i diritti umani, unitamente ai valori della nostra azienda, costituisce la base del nostro approccio al business che si esplicita nelle politiche e nelle attività quotidiane del Gruppo.

Ribadiamo la nostra ferma determinazione a contribuire all’eliminazione di ogni forma di moderna schiavitù, come la tratta di esseri umani, il lavoro forzato o obbligatorio, il lavoro minorile, a cominciare dalle forme peggiori di sfruttamento.

Inoltre, promuoviamo fortemente il rispetto dei diritti umani e abbiamo tolleranza zero per qualsiasi forma di abuso dei diritti umani lungo la nostra catena del valore. Aderiamo anche ai Dieci Principi del Global Compact delle Nazioni Unite e ai Principi Guida delle Nazioni Unite su imprese e diritti umani.

RISPETTO DEI DIRITTI UMANI NELLA CATENA DI FORNITURA:

Approvvigionamento responsabile

Ci serviamo di un’ampia rete di fornitori diretti e indiretti, dai piccoli produttori alle aziende multinazionali, compresi fornitori che ci riforniscono di ingredienti e materiali di imballaggio per i prodotti e fornitori indiretti di servizi per le attività del Gruppo. Siamo consapevoli del fatto che le attività di approvvigionamento non si limitano ad incidere sulla forza lavoro, ma presentano anche occasioni di supporto per le comunità locali.

Agricoltura sostenibile

Nel settore agricolo, i lavoratori stagionali, le donne e i bambini sono spesso esposti a condizioni pericolose e sono vulnerabili a fronte di pratiche lavorative prive di protezione, quali lavoro forzato, tratta di esseri umani e lavoro minorile. Essendo stakeholder importanti nella catena di fornitura, Ferrero è impegnata a fronteggiare le criticità in materia di tutela dei diritti umani e e a sostenerne la promozione lungo la propria filiera, fino a raggiungere direttamente gli agricoltori.