MINIMIZZARE L’IMPATTO AMBIENTALE


Il gruppo Ferrero pone primaria attenzione alla protezione del pianeta: per questo motivo, mira a coniugare una forte motivazione alla crescita con un’elevata attenzione agli impatti ambientali correlati.


CARBON FOOTPRINT

Il Gruppo Ferrero crede che la propria prima responsabilità sia misurare l’impatto dell’intera supply chain dei suoi prodotti. Solo avendo una chiara visione del proprio impatto si può pensare di gestirlo e ridurlo. Dal 2009 il Gruppo misura annualmente la Carbon footprint, impegnandosi ad ampliarne gradualmente i confini.


IL PROGETTO FER-WAY

Il Gruppo Ferrero, attraverso il suo progetto di responsabilità ambientale FER-Way, supporta e sostiene lo sviluppo di un’economia circolare, conscio delle implicazioni che la scarsità di risorse pone al proprio business.

Dal 2013/2014, con il lancio del progetto FER-Way - Ferrero Environmental Responsibility Way - volto alla buona gestione della sostenibilità ambientale, il Gruppo si sta particolarmente focalizzando sul miglioramento dell’accuratezza dei dati, sulla maggiore inclusione delle fonti di emissione indirette e sulla ridefinizione di indicatori e parametri di misura che seguano i più recenti sviluppi in ambito scientifico. L’approccio si basa su quattro azioni, di fianco descritte.

CONTRIBUTI DELL'INDUSTRIA ALIMENTARE ALL'ECONOMIA CIRCOLARE

Verso un'economia circolare

L’economia globale ha seguito negli ultimi 150 anni un percorso lineare di produzione e consumo creando una sempre crescente domanda di risorse naturali. Con le aspettative di crescita della popolazione mondiale è fondamentale cambiare modo di pensare e quindi di produrre e consumare. Al modello di consumo lineare si va perciò sostituendo quello dell’economia circolare.

Per incorporare i principi dell'economia circolare nelle proprie attività, Ferrero ha iniziato a ripensare la gestione di alcune delle principali risorse utilizzate - materie prime alimentari, energia e materiali di imballaggio - come “cicli” piuttosto che come convenzionali catene di approvvigionamento lineare.
  • Materie prime

    Una delle principali materie prime utilizzate da Ferrero nei propri prodotti è la nocciola, con la conseguente produzione di gusci. Per non limitarsi a vedere questo materiale come un rifiuto da smaltire è stato attivato il Progetto Eco°paper.

  • Design

    L’impatto ambientale di un prodotto o servizio è determinato nella fase di design del prodotto/servizio stesso, poiché è dall’attività di progettazione che dipende tutto il ciclo di vita di un prodotto. Una delle azioni volte a raggiungere questo scopo è il rimodernamento del tunnel di raffreddamento linea presso lo stabilimento in Canada.

  • Produzione

    Da diversi anni il Gruppo è attivo nel campo della ricerca, anche attraverso bandi europei, per produrre energia e nuovi materiali di imballaggio attraverso l’utilizzo sia dei sottoprodotti alimentari delle proprie fabbriche che di altre tipologie di biomasse non appartenenti alla propria filiera diretta. In questo senso va intesa la collaborazione al Progetto Sibafeq.

  • Consumo

    Ferrero negli ultimi anni ha cercato di attivare il suo coinvolgimento attraverso azioni di educazione, sia al consumo (attraverso il tema della porzionatura), sia alla corretta dismissione degli imballaggi dei propri prodotti. È stata così creata l’etichetta “end use”, con l’obiettivo di aiutare il consumatore nella separazione e dismissione corretta dell’imballaggio successivamente al consumo dei prodotti.

  • Rifiuti

    Molti dei materiali che un tempo venivano unicamente considerati materiale da smaltire e dismettere fanno ora parte di un percorso virtuoso di valorizzazione, assumendo la qualifica di “prodotto”. A tale fine si deve il Progetto SPE - Scraps of the Packaging Evolution - è stato attivato nel 2012/2013 nei principali stabilimenti europei.

FERRERO4FUTURE (FERRERO FOR FUTURE)


Nell’ambito del progetto FER-Way è stato creato il Framework Ferrero4Future, quattro aree di azione su cui il Gruppo Ferrero sta lavorando in questi anni per proiettarsi in un futuro più sostenibile.

Tutela dell’ecosistema naturale
L’attività del Gruppo Ferrero, in quanto parte dell’ecosistema globale, può generare impatti attraverso le sue attività dirette o lungo la catena di fornitura.
In particolare per un’azienda alimentare come Ferrero, biodiversità, deforestazione e uso del suolo sono certamente aspetti chiave.

Emissioni

Il Gruppo vuole crescere come un business a basse emissioni, per questo per ridurre il proprio impatto misura e gestisce la propria Carbon footprint, puntando sull’innovazione tecnologica e la collaborazione e focalizzandosi non solo sull’impatto del proprio business ma su quello dell’intera value chain.

Uso efficiente delle risorse
Le risorse sono un bene prezioso per Ferrero e come tali vogliamo utilizzarle responsabilmente. Risorse quali materie prime agricole, imballaggi, acqua ed energia sono disponibili solo in quantità limitate. Per tale, per tale ragione Ferrero sta lavorando per ridurne l'uso lungo la catena di produzione dei propri prodotti.

Gestione dei rifiuti
In linea con la politica del Gruppo di riduzione generale degli sprechi e di migliore gestione della filiera produttiva, e in coerenza con gli orientamenti dell’Unione europea d’incremento della quantità di rifiuti recuperati, le due principali aree di intervento degli stabilimenti produttivi del Gruppo sul tema rifiuti riguardano la riduzione della loro produzione in termini assoluti e l’indice di recupero.